Proroga Defibrillatori

Inviato da: Monaco Eufemia In: Defibrilatori News Su: mercoledì, gennaio 13, 2016 Commento: 0 Hit: 1142

Proroga Defibrillatori:

l' adeguamento slitta al 31 Ottobre 2016. Previste sanzioni elevate per tutte le società sportive che non si adegueranno al decreto.

A metà Gennaio in previsione della riunione del Consiglio dei Ministri , verrà concessa una proroga all’attuazione del Decreto Balduzzi prevista per il 20 gennaio.
Il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, presenterà un provvedimento che permetterà alle Associazione Sportive Dilettantistiche d’Italia di guadagnare ancora un po’ di tempo per mettersi in regola con la legge che prevede, tra le altre cose, l’installazione di un defibrillatore in ogni sito che ospiti attività sportiva ad elevato impegno cardiocircolatorio.

Come già noto, sono esentati i sodalizi sportivi dilettantistici che svolgono attività sportive con ridotto impegno cardiovascolare, quali bocce (escluse bocce involo), biliardo, golf, pesca sportiva di superficie, caccia sportiva, sport di tiro, giochi da tavolo e sport assimilabili. Per tutte le altre attività avere un Defibrillatore è obbligatorio e le sanzioni previste per chi non si adegua alla normativa saranno elevate.

Inoltre, il Ministro Lorenzin, su richiesta del Presidente Malagò, provvederà a definire le modalità di attuazione del decreto negli sport cosiddetti “in movimento”, quali, per esempio, la vela, l’orienteering ed il canottaggio.

La proroga, con tutta probabilità, farà slittare l’entrata in vigore del decreto al 31 ottobre 2016, ma  si raccomanda vivamente a tutte le Società regionali di mettersi in regola il prima possibile con quanto previsto dal Decreto.

Il CONI regionale ha provveduto, grazie alle convenzioni stipulate con le Fondazioni Carigo Gorizia, CRT Trieste e Crup Udine e Pordenone, alla fornitura di defibrillatori in 123 comuni, e continua la sua opera con l’organizzazione dei corsi di formazione inerenti le tecniche di primo soccorso e rianimazione cardiopolmonare da effettuare in caso di incidente.

Commenti

Inserisci il tuo commento

Top