L'infarto è ancora la prima causa di morte

Inviato da: Michele Dartizio In: Defibrilatori News Su: mercoledì, febbraio 24, 2016 Commento: 0 Hit: 780

L’infarto cardiaco è la patologia che causa in Italia più decessi all’anno, cioè è la prima causa di morte nella popolazione italiana.

I sintomi dell’infarto cardiaco. Di solito l’infarto del miocardio si presenta con manifestazioni tipiche e cioè dolore al torace spesso irradiato al braccio sinistro o al mento, ma talvolta si presenta anche in modo subdolo, ad esempio con un dolore dopo pranzo o dopo cena, una sensazione di malessere generale con sudorazione profusa; soprattutto nei soggetti diabetici la sintomatologia non è tipica. Quindi in tutti quei casi in cui un soggetto abbia dei malori importanti con calo della pressione, con sudorazione profusa, con malessere generale, bisogna tenere in considerazione sempre anche la possibilità che ci sia un infarto sottostante anche se con sintomi poco chiari.

L’informazione sull’infarto cardiaco. È chiaro che la diagnosi la devono fare i medici ma è giusto che la popolazione sia informata e, nel caso si presentino questi sintomi, non aspetti a casa l’evoluzione spesso drammatica del processo infartuale. Infatti vediamo ancora oggi in Italia che molti pazienti arrivano tardi al Pronto Soccorso perché pensano che questo dolore al torace passi col tempo. La decisione se andare avanti con le indagini, che sono l'elettrocardiografia e l’ecocardiografia e nei casi  necessari anche la coronarografia, spetta naturalmente ai medici che devono valutare davvero la pregnanza di questi sintomi.

Fondamentale a livello sociale l'uso dei defibrillatori. «É statisticamente provato che nei Paesi dove la popolazione è stata preparata ad agire in caso di emergenze con i defibrillatori la mortalità è diminuita. Tutti i luoghi affollati: scuole, teatri, stadi, aeroporti devono essere attrezzati di defibrillatore che monitora lo stato del paziente ed interviene soltanto se necessario.

Commenti

Inserisci il tuo commento

Top